skip to Main Content
Latte Per I Bambini

Il consumo di latte intero aumenta il rischio di obesità infantile?

Latte intero o parzialmente scremato? Non è solo una questione di gusto, ma di valori nutrizionali.

È meglio il latte intero o quello magro o parzialmente scremato per la colazione dei nostri figli? Società scientifiche pediatriche canadesi e statunitensi raccomandano, dall’età di due anni in poi, di passare dal consumo di latte intero a quello magro o parzialmente scremato, al fine di ridurre il rischio di sovrappeso e obesità infantile.

Non criminalizzare il latte intero

Visto che il latte è un alimento molto consumato dai bambini, gli autori di un articolo pubblicato sul The American Journal of Clinical Nutrition si sono proposti di fare una revisione critica di tutti i risultati presenti nella letteratura scientifica inerenti a questo argomento. L’obiettivo è stato proprio quello di vedere se il consumo di latte intero aumenta effettivamente il rischio di sovrappeso e obesità nei bambini. E i risultati non sembrano andare proprio nella stessa direzione delle raccomandazioni delle società scientifiche: negli studi analizzati, infatti, non viene fuori una correlazione fra consumo di latte intero e incremento del peso corporeo. Anzi, questo studio parrebbe andare proprio in direzione contraria: il consumo di latte intero è associato a un minor rischio di sovrappeso e obesità infantile, in confronto all’utilizzo di latte magro o parzialmente scremato.

Gli autori provano a spiegare alcuni meccanismi che potrebbero giustificare questi risultati. Una teoria, per esempio, sostiene che il latte intero possa portare a una riduzione del consumo di altre bevande più caloriche, per esempio quelle zuccherate, sicuramente più pericolose per il rischio di sovrappeso e obesità nell’infanzia. Ma potrebbe essere anche una questione di sazietà: il latte intero “riempie la pancia” del bambino più velocemente, riducendo il desiderio di assumere altro cibo.

Non solo latte

Quello che è certo è che, per confermare quanto emerge da quest’analisi, serviranno altri studi rigorosi dal punto di vista metodologico. E questo potrà servire anche a cambiare le raccomandazioni delle società scientifiche che, come abbiamo detto, attualmente sconsigliano l’uso del latte intero nei bambini dai due anni in su. Un’altra cosa certa, però, è che, indipendentemente dal latte, l’obesità infantile sta aumentando drasticamente e in Italia non siamo messi bene: secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) siamo il quarto Paese per bimbi obesi o in sovrappeso. Come vi abbiamo già detto su Medical Factsl’obesità infantile ha delle conseguenze serie sulla salute ed è un dovere prevenirla, a partire dalla dieta sana e dall’educazione dei nostri figli al movimento e all’attività fisica. Magari cogliendo l’occasione di fare un po’ di sport con loro: sarà sicuramente divertente e i vantaggi sulla salute sono innumerevoli.

 

Renata Gili

 

Fonti:

Shelley M Vanderhout. Am J Clin Nutr 2019; 00:1–14.

OECD. The Heavy Burden of Obesity

 

Condividi
AlimentazioneLatteLatte interoLatte intero calorieLatte intero grassiLatte intero senza lattosioLatte intero valori nutrizionaliObesità infantile
Back To Top