skip to Main Content
Il Formaggio: Un Alimento Della Nostra Tradizione, Che Merita Attenzione

Il formaggio: un alimento della nostra tradizione, che merita attenzione

Oggi Medical Facts inizia un viaggio nelle caratteristiche nutrizionali di alcuni alimenti. Partiamo dal formaggio, un alimento goloso cui non rinunciare. È sufficiente un po’ di attenzione.

Il consumo che abitualmente facciamo del formaggio non rispetta molto l’uso corretto che ne dovremmo farne. Spesso siamo abituati a utilizzarlo come condimento grattugiato sulla pasta o aggiunto per gratinare qualche verdura cotta in forno, oppure ancora per “completare” un altro piatto, per esempio nelle insalatone o nelle torte salate. In realtà il formaggio andrebbe considerato come un secondo piatto vero e proprio, come la carne, il pesce, le uova o i legumi.

Secondo i Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia (LARN) per la popolazione italiana  della Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU), il formaggio, che rientra nella categoria latte e derivati, andrebbe assunto circa 2-3 volte a settimana. La porzione di formaggio deve essere di circa 50 grammi per quanto riguarda i formaggi stagionati, di 100 grammi per quanto riguarda quelli freschi, dose maggiore perché contengono più acqua rispetto ai primi e perciò la concentrazione calorica è minore.

Come mai una tale limitazione?

I formaggi sono ricchi di grassi saturi, colesterolo e sodio, tutti nutrienti potenzialmente dannosi per il sistema cardiovascolare se assunti in quantità e con frequenza superiori a quelle sopraindicate. Sono generalmente un alimento grasso che, se non controllato, può favorire il sovrappeso e l’obesità. Ma c’è anche del buono ovviamente. I formaggi, infatti, sono ricchi di calcio, essenziale per la salute ossea e non solo, e rappresentano un’ottima fonte proteica, in cui troviamo tutti gli amminoacidi essenziali di cui abbiamo bisogno.

Quali formaggi mangiare

Tutti. Se si rispettiamo le frequenze e le dosi indicate nessun formaggio è vietato.

Personalmente vi consiglio di associarlo alle verdure, in qualche ricetta un po’ golosa e che possa saziarvi. A breve faremo alcuni esempi specifici di formaggi della nostra tradizione.

 

Giacomo Astrua

 

Fonti:

https://sinu.it

IV Revisione dei Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana (LARN) la Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU)

 

Back To Top