skip to Main Content
Samoa: Dopo L’epidemia Di Morbillo Arrestato Un Estremista Antivaccinista

Samoa: dopo l’epidemia di morbillo arrestato un estremista antivaccinista

Vi avevamo parlato qualche giorno fa dei 48 bambini morti a Samoa, a causa del morbillo. Il Governo è intervenuto, in maniera decisa, per bloccare la pericolosa disinformazione che ha provocato una strage.

Vi abbiamo raccontato della tragica epidemia di morbillo a Samoa, dove a causa degli antivaccinisti e delle loro bugie pericolose la copertura vaccinale è scesa drammaticamente, causando infine la morte di 48 bambini sotto i 4 anni. L’attivista più scatenato contro la vaccinazione è stato Edwin Tamasese, che, in coordinamento con i peggiori peracottari statunitensi, ha diffuso a Samoa  informazioni false sulla pericolosità del vaccino, proponendo di usare la vitamina Ae per prevenire il morbillo (peccato che non funzionino!).

Giustizia è fatta

Nel momento in cui il governo di Samoa ha iniziato un piano di vaccinazione di massa, lui ha scritto sulla sua pagina Facebook: «Godetevi questo assassinio».

Bene, c’è una grossa novità: pensate che a Tamasese abbiano chiuso l’account Facebook? Credete che l’abbiano bannato da Twitter? Siete fuori strada. Edwin Tamasese è stato arrestato dalle autorità di Samoa e in questo preciso momento è in galera. Senza Internet. Perché con la salute non si scherza.

 

Roberto Burioni

 

 

(Nella foto, da Twitter, Edwin Tamasese. Grazie a Enrico Bucciper la segnalazione) 

 

Fonte:

https://www.samoaobserver.ws/category/samoa/54397

 

 

Back To Top