skip to Main Content
Invece Delle Detrazioni Fiscali Per L’omeopatia Creiamo Borse Di Studio Per I Medici

Invece delle detrazioni fiscali per l’omeopatia creiamo borse di studio per i medici

La mancanza di medici nei nostri ospedali sarà un problema sempre più grave nel corso dei prossimi anni. Noi abbiamo una proposta per dare in parte una soluzione.

Uno dei problemi più gravi della nostra sanità è la mancanza di medici, e particolarmente di medici specialisti. Si presenterà nelle sue drammatiche dimensioni nei prossimi anni e se non provvederemo in tempo (subito, siamo già in ritardo), non avremo altra possibilità se non quella di gettare nei reparti medici non specializzati (e quindi meno preparati), con conseguenze che è facile immaginare. D’altra parte per specializzare un medico ci vogliono anni, la medicina è complicata e questo è uno dei casi in cui «la gattina frettolosa fa i gattini ciechi».

Creiamo borse di studio

Per aumentare il numero di specialisti ci vogliono le borse di studio e per le borse di studio ci vogliono i soldi. In questo momento nel nostro Paese la spesa per i preparati omeopatici (che non contengono nulla, che non hanno nessuna plausibilità scientifica e che non hanno nessuna efficacia), è fiscalmente detraibile come quella per i farmaci “veri”, di provata efficacia. Questo, secondo i calcoli del Gimbe, genera un mancato introito di 50 milioni all’anno per l’Erario. Avete capito bene: chi acquista i preparati omeopatici (che non contengono nulla e non servono a nulla), gode di un beneficio fiscale.

Proponiamo di cancellare immediatamente questo beneficio fiscale che non ha nessun senso e di trasformare il risparmio derivante in borse di studio supplementari per le scuole di specializzazione. I posti attualmente disponibili sono ottomila all’anno, con questa cifra si potrebbero finanziare ben duemila borse all’anno, aumentando del 25% il numero di specialisti disponibili.

Un Governo minimamente serio deve provvedere immediatamente. Se il Governo non lo fa, gli elettori devono protestare.

 

Roberto Burioni

 

 

 

Back To Top