skip to Main Content
Allattamento Al Seno: Quanti Vantaggi

Allattamento al seno: quanti vantaggi

Allattare al seno fa benissimo ai neonati, ma un recente studio ha stabilito che fa bene anche alla mamma, riducendo il rischio di diabete e ipertensione.

I benefici dell’allattamento al seno sono innumerevoli e scommetto che in molti non sappiano che è un vero e proprio determinante di salute per l’intera vita. L’Istat, nel 2013, ha portato a termine un’indagine su gravidanza, parto e allattamento al seno. Effettivamente le donne che allattano il proprio figlio, in Italia, stanno aumentando e sono circa l’85%. Inoltre, se la durata media dell’allattamento era di circa sei mesi nel 2000, siamo arrivati a più di sette nel 2005, fino a raggiungere gli otto mesi abbondanti nel 2013.

Dai dati Istat emerge, però, che solo il 36% delle donne attacca il proprio bambino al seno entro la sua prima ora di vita e che il numero di mesi di allattamento esclusivo al seno, ossia quei mesi in cui il bambino riceve unicamente latte materno (incluso latte materno spremuto) è, in media, di appena 4 mesi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, a tal riguardo, ci raccomanda essenzialmente tre cose: l’allattamento al seno dovrebbe essere iniziato entro la prima ora dalla nascita del proprio figlio; dovrebbe essere il nutrimento esclusivo per i primi sei mesi di vita; dovrebbe, infine, essere portato avanti fino ad almeno due anni di età, completando l’alimentazione con cibo sano e adeguato dal punto di vista nutrizionale.

Perché tutto questo entusiasmo

I benefici per il bambino sono tanti, sia a breve che a lungo termine. Per esempio, il latte materno contiene anticorpi che aiutano i bimbi a non ammalarsi delle comuni infezioni, come quelle delle vie respiratorie. Stesso discorso nei confronti di diarrea, otiti, allergie e asma. Oltre a questi vantaggi immediati, l’allattamento al seno è fondamentale per i vantaggi futuri: i bambini allattati al seno, come abbiamo già ribadito, avranno minor probabilità di essere sovrappeso o obesi e sono a minor rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Inoltre, dato molto curioso, l’allattamento al seno è associato a una migliore performance ai test d’intelligenza durante l’infanzia e l’adolescenza.

Abbiamo capito, quindi, che il bambino a essere allattato ci guadagna, su tutti i fronti. Ma la cosa bella è che i vantaggi sono grandi anche per le madri. Basti pensare che, allattando, si arrivano a consumare circa cinquecento calorie al giorno: perfetto per perdere il peso accumulato durante la gravidanza.

Ma c’è molto di più: un recente articolo sulla rivista scientifica JAMA riporta che l’allattamento al seno per almeno dodici mesiriduce del 30% il rischio materno di sviluppare diabete e del 13% quello di sviluppare ipertensione. Per capire davvero l’importanza di quest’affermazione dobbiamo tener conto che queste due patologie sono importantissimi fattori di rischio per l’insorgenza di malattie cardiovascolari, ossia la principale causa di morte in assoluto nel mondo. Questo effetto protettivo deriva dal fatto che la gravidanza è associata a un metabolismo lipidico che da un lato è molto utile per la crescita del feto, ma dall’altro è rischioso per la donna. Inoltre, è associata a insulino-resistenza e a una minore tolleranza al glucosio, tutti fattori rischiosi per lo sviluppo di diabete.

Il latte materno, ricco in colesterolo, mobilizza le riserve di grasso, facendo un vero e proprio resetdel profilo lipidico svantaggioso, che s’instaura durante la gravidanza e che potrebbe potenzialmente mettere a rischio le donne riguardo l’insorgenza di malattie cardiovascolari. Insomma: una risorsa dai mille vantaggi, l’allattamento al seno. Oltretutto, è pratico e gratis. Cosa si può volere di più?

 

Renata Gili

 

Fonti:

Rameez R.M., et al. Association of Maternal Lactation With Diabetes and Hypertension. A Systematic Review and Meta-analysis JAMA Network Open. 2019;2(10):e1913401.

Organizzazione Mondiale della Sanità – www.who.int

Istat – www.istat.it

Ministero della Salute – www.salute.gov.it

 

Back To Top