skip to Main Content
Verona: Bambina Grave Per Aver Contratto Il Tetano. Facciamo Un Po’ Di Chiarezza

Verona: bambina grave per aver contratto il tetano. Facciamo un po’ di chiarezza

  • News

Una bimba di 10 anni è ricoverata in rianimazione nell’ospedale di Borgo Trento e i dottori hanno scoperto che non era vaccinata.

Pessime notizie da Verona: la bambina di 10 anni, ammalata di tetano, sta peggiorando all’ospedale di Borgo Trento a Verona. Una storia incredibile, perché incredibile è che nel 2019 si possa rischiare di morire di tetano, una malattia che nei vaccinati (con un vaccino sicurissimo ed efficace), non esiste.

Facciamo quindi un po’ di chiarezza sul tetano

Le spore di questo batterio sono dovunque. Quindi qualunque ferita è a rischio.
Detergere con l’acqua ossigenata la ferita non mette al sicuro da questa pericolosissima infezione.

Il vaccino è sicuro quanto nessun altro farmaco al mondo: è in uso dal 1938 ed è stato somministrato a centinaia di milioni di persone, dimostrando grande efficacia.

Non esiste immunità naturale al tetano. Neanche chi l’ha avuto ed è guarito è protetto. L’unico modo in cui si può essere protetti è grazie alla vaccinazione, che non ha efficacia perpetua: per questo è indispensabile sottoporsi ai richiami nei tempi prescritti.

L’uomo non diffonde la malattia

L’uomo non ha alcun ruolo nella diffusione della malattia, per cui se non vi fate i richiami o non vaccinate vostro figlio non mettete in pericolo nessuno, se non voi stessi o vostro figlio.

Insomma, è come il casco quando si guida la moto. È obbligatorio (e anche vostro figlio deve metterlo se guida il motorino), perché lo stato deve proteggere gli individui, soprattutto se minorenni, anche dalla propria fessaggine.
Ovviamente non c’è nessuna «emergenza tetano», così come non c’è nessuna «emergenza casco». Spiace quando chi si ammala è una bambina di 10 anni, che dovrebbe essere protetta dai suoi genitori.

Per fortuna che adesso c’è una legge.

 

Roberto Burioni

Fonti:
Pinkbook, CDC.

 

Back To Top