skip to Main Content
Patto Trasversale Per La Scienza: Firmano Due Premi Nobel

Patto Trasversale per la Scienza: firmano due Premi Nobel

  • News

Il professore Richard J. Robertse il professore Jean-Marie Lehn hanno aderito alla nostra iniziativa, grazie alla mediazione del pianista Nazzareno Carusi.

Nazzareno Carusi, abruzzese forte e gentile come la gente della sua terra, oltre a essere un mio carissimo amico è un grande pianista. Per raccontarvi premi e onori che ha ricevuto dovrei riempire diverse pagine, ma vi basti sapere due cose: ha suonato alla Scala e il maestro Riccardo Muti lo ha definito un grandissimo musicista.

Carusi

Nazzareno Carusi. Fonte Facebook

La vita è stata con lui generosissima di talento, ma avara di salute: una malattia alle ossa non grave, che avrebbe disturbato poco un uomo comune come me, gli ha troncato una favolosa carriera da concertista. Però Nazzareno non si è arreso, continua a insegnare ad allievi che arrivano da tutto il mondo e soprattutto ha messo il suo talento e la sua esperienza al servizio dell’impegno culturale, civile e politico.

L’adesione al Patto Trasversale per la Scienza

È stato uno dei primi ad aderire al Patto Trasversale per la Scienza, ma non si è fermato qui.

Grazie a lui oggi possiamo annoverare tra i firmatari del nostro patto due Premi Nobel: il professore Richard J. Roberts, Nobel per la Medicina nel 1993, e il professore Jean-Marie Lehn, Nobel per la Chimica nel 1987.

La cosa è talmente importante e talmente bella che, oltre a un «grazie», non ci sono parole.

 

Roberto Burioni

 

(Nella foto, da sinistra, Richard J. Robertse Jean-Marie Lehn. Fonte Facebook e Wikipedia)

 

Back To Top